L’USO DI TABLET, SMARTPHONE E COMPUTER INFLUISCE SULL’APPRENDIMENTO DELLA SCRITTURA

scansione00132

Se è pur vero che non si può fissare una giusta età per avvicinare i bambini all’uso di strumenti tecnologici, soprattutto se manifestano interesse e curiosità, l’importante è non esagerare nell’uso.
I nuovi disturbi dei bambini che derivano dall’uso precoce degli strumenti elettronici sono la Disgrafia e la Disortografia. Lo conferma la dott.ssa Emanuela Costantini sociologa e grafoanalista, esperta in prevenzione e strategie rieducative dei disturbi della scrittura, coordinatrice del Centro Riscrivo, specializzato nella consulenza, nella formazione e nel recupero dei DSA.
A differenza della scrittura manuale ed il disegno per scrivere con la tastiera o utilizzare funzioni touch screen basta anche un solo dito. Per migliorare quindi la motricità delle dita occorre incoraggiare attività come il disegno, il ritaglio e la modellazione.
Se un bambino è disgrafico si può capire già dalla difficoltà dei movimenti di gesti quotidiani oltre che dalla scrittura se leggibile e rispetta margini, righe e spazi.
Fortunatamente tale disturbo essere completamente recuperato
“A partire dall’insegnamento della postura e la presa dello strumento corretti e con la pratica di esercizi grafomotori adatti al singolo caso. Fondamentale in questo percorso è la motivazione del bambino e della famiglia, oltre alla collaborazione della scuola” conclude la dott.ssa Costantini.

Fonte: lavocedeltrentino

Ricordo…

Ricordo…

A tutti i genitori che non hanno tempo… quel tempo preziosoricordo

L’immaginazione vi porterà dappertutto

La logica vi porterà da A a B. L’immaginazione vi porterà dappertutto.
(Albert Einstein)

immaginazione

1 2 3 108